Sergei Blyshchik, sostenitore del Fronte di sinistra, è stato ucciso nel Donbass

Si è saputo che il nostro compagno, un sostenitore del Fronte di sinistra della regione di Chelyabinsk, Sergey Blyshchik, è morto nel Donbass. Aveva 27 anni, ha prestato servizio come carrista praticamente dai primi giorni dell’operazione speciale ed è morto il 19 agosto mentre svolgeva una missione di combattimento.

Sergei Blyshchik si è unito al Fronte di sinistra nel 2020, ha partecipato attivamente alle proteste popolari contro le violazioni elettorali e la repressione dell’opposizione [in Russia]. Amava molto i film e i libri sovietici sulla Grande Guerra Patriottica, nonostante la sua età riuscì a essere un pioniere – alla scuola del villaggio di Podovinnoye, dove crebbe, furono accettati come pionieri fino alla fine del anni 90. Sergei ha lasciato una figlia piccola e un padre malato. Memoria eterna al nostro compagno Sergei Blyshchik!

Slavoj Žižek, un apologeta del capitalismo travestito da “filosofo marxista”

Il minimo che dobbiamo all’Ucraina è il pieno sostegno, e per farlo abbiamo bisogno di una NATO più forte […] Oggi non si può essere di sinistra se non si sostiene inequivocabilmente l’Ucraina” (The Guardian, 21 giugno 2022).

Chi è l’autore di queste parole? È il segretario della NATO Jens Stoltenberg? O il cancelliere tedesco Olaf Scholz? Forse il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez? Nessuno di loro. La frase appartiene a una celebrità dell’intellighenzia di sinistra contemporanea. Il tanto pubblicizzato filosofo “marxista hegeliano” Slavoj Žižek.

L’opinione di Žižek sull’Ucraina sarebbe del tutto insignificante se il pensatore e teorico culturale sloveno non avesse ricevuto così tanta pubblicità dai media occidentali, affermandosi come uno dei “più importanti intellettuali viventi”. Da oltre due decenni, Žižek occupa una posizione di rilievo non solo nella stampa borghese, ma anche nei più prestigiosi istituti accademici e think tank in Europa e negli Stati Uniti.

La realtà è che Slavoj Žižek è l’incarnazione del ciarlatanismo pseudo-marxista che, attraverso analisi magniloquenti, espressioni filosofiche incoerenti e spesso contraddittorie ed espressioni pompose, cerca di “imbiancare” il sistema di sfruttamento stesso.

Non è un caso che il ciarlatano che ora chiede una “NATO più forte” per difendere l’Ucraina, sia lo stesso che nel 1999 era uno schietto sostenitore dell’intervento imperialista della NATO e del bombardamento della Jugoslavia. Nel suo articolo intitolato “La NATO, la mano sinistra di Dio”, Žižek scriveva tra l’altro:

“Oggi possiamo vedere che il paradosso del bombardamento della Jugoslavia non è quello di cui si sono lamentati i pacifisti occidentali – che la NATO ha scatenato proprio la pulizia etnica che avrebbe dovuto prevenire. No, il vero problema è l’ideologia del vittimismo: va benissimo aiutare gli albanesi indifesi contro i mostri serbi, ma in nessun caso si deve permettere loro di liberarsi da questa impotenza, di affermarsi come soggetto politico sovrano e indipendente […] Ma non è stata solo la NATO a depoliticizzare il conflitto. Lo hanno fatto anche i suoi oppositori della pseudo-sinistra. Per loro, il bombardamento della Jugoslavia ha rappresentato l’ultimo atto dello smembramento della Jugoslavia di Tito. Ha rappresentato la fine di una promessa, il crollo di un’utopia di socialismo multietnico e autentico nella confusione di una guerra etnica. Anche un filosofo politico così acuto come Alain Badiou continua a sostenere che tutte le parti sono ugualmente colpevoli. Ci sono state pulizie etniche da tutte le parti, dice, tra i serbi, gli sloveni e i bosniaci. […] Mi sembra che questo rappresenti una nostalgia di sinistra per la Jugoslavia perduta. L’ironia è che questa nostalgia considera la Serbia di Slobovan Milosevic come il successore di quello Stato da sogno, cioè esattamente la forza che ha ucciso così efficacemente la vecchia Jugoslavia” (lacan.com/zizek-nato.html, 29 giugno 1999).

Slavoj, il sostenitore dichiarato dell’orrendo crimine della NATO in Jugoslavia, non era abbastanza soddisfatto della barbarie scatenata contro il popolo serbo. Voleva ancora più bombe: «Quindi, proprio come uomo di sinistra, la mia risposta al dilemma “Bomba o no?” è: non ci sono ancora abbastanza bombe, e sono arrivate TROPPO TARDI» (Slavoj Žižek, Against the Double Blackmail, New Left Review, 04/1999).

Quattro anni dopo il crimine in Jugoslavia, nel 2003, il “filosofo” sloveno sottolineava durante un’intervista: Con orrore di molti esponenti della sinistra, persino io ho mostrato una certa comprensione per i bombardamenti della NATO sulla ex-Jugoslavia. Mi dispiace, ma questo bombardamento ha fermato un conflitto terribile“. (Left Business Observer #105, agosto 2003).

Quando Slavoj Žižek non appoggia gli interventi imperialisti della NATO, si lancia in grandiosi discorsi su questioni sociali, politiche e filosofiche. Nel 2012, intervenendo a un evento organizzato da SYRIZA, l’allora nascente partito socialdemocratico greco, l’intellettuale sloveno arrivò a difendere l’opportunismo! Ecco cosa disse: “Sapete, c’è anche un opportunismo di principio, un opportunismo di principi. Quando si dice che la situazione è persa, che non possiamo fare nulla, perché tradiremmo i nostri principi, questa sembra essere una posizione di principio, ma in realtà è la forma estrema di opportunismo“.

Nel 2012, Žižek ha sostenuto apertamente SYRIZA partecipando a eventi politici congiunti con Alexis Tsipras, mentre non ha esitato a scatenare calunnie contro il KKE dicendo che “è il partito delle persone che sono ancora vive perché hanno dimenticato di morire“. È lo stesso ciarlatano che, dopo gli attacchi terroristici di Parigi del 2015, ha suggerito che l’antidoto allo stallo del capitalismo globale è la militarizzazione della società: “I movimenti di base democraticamente motivati sono apparentemente destinati al fallimento, quindi forse è meglio rompere il circolo vizioso del capitalismo globale attraverso la ‘militarizzazione’, che significa sospendere il potere delle economie autoregolate.” (Slavoj Žižek: In the Wake of Paris Attacks the Left Must Embrace Its Radical Western Roots, inthesetimes.com, 16 novembre 2015).

Un anno dopo, nel 2016, il fiammeggiante pensatore ha appoggiato il miliardario ultra-reazionario Donald Trump per la presidenza degli Stati Uniti, definendolo un “liberale centrista”. Più di recente, è stato visto in gruppi politici al fianco di altri autoproclamati “marxisti erratici”, come l’ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis.

No, Slavoj Žižek non è né un marxista né un filosofo radicale. Non è un pazzo che esprime assurdità solo perché vuole attirare l’attenzione. Al contrario, è un colto apologeta della barbarie capitalista e un consapevole anticomunista. In quanto tale, vilipende il socialismo del XX secolo, attacca spudoratamente Lenin e promuove, apertamente o velatamente, l’alleanza imperialista assassina della NATO. Anche quando finge di difendere il comunismo, Žižek lo fa solo a parole, come questione teorica astratta, separandola deliberatamente dal suo campo di applicazione sociale e politico.

Allora, cosa rappresenta Slavoj Žižek? La risposta l’ha fornita lui stesso. “In breve, ciò che i liberali sensibili vogliono è una rivoluzione decaffeinata, una rivoluzione che non puzza di rivoluzione”, ha scritto una volta. Questo è esattamente ciò che Žižek e altri “intellettuali marxisti” ampiamente pubblicizzati dai media borghesi (come A. Badiou, A. Negri, T. Eagleton, ecc.) sono: camerieri ideologici di una “rivoluzione decaffeinata” e i migliori apologeti del sistema di sfruttamento capitalistico.

Articolo di Nikos Mottas, caporedattore di “In Defense of Communism”.

Russia, il Partito Comunista vuole tornare alla pianificazione statale ma basata sull’intelligenza artificiale

La proposta del Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) di introdurre un sistema automatizzato di gestione dell’economia basato sull’intelligenza artificiale trova immediatamente l’opposizione delle autorità della Federazione Russa come il Ministero dell’Economia, il Ministero dell’Industria e del Commercio, il Servizio Statale Federale di Statistica e il Servizio Federale delle Dogane.

La risposta del Ministero dello Sviluppo economico, dal Rosstat, dal Servizio fiscale federale, dal Servizio doganale federale e dal Ministero dell’Industria e del Commercio è stata che utilizzare l’esperienza del Comitato di pianificazione statale dell’URSS (Gosplan) nella gestione economica sarebbe irragionevole nella Russia di oggi.

Alla fine di marzo, Gennady Zyuganov, il presidente del Comitato centrale del PCFR, ha inviato una lettera al Primo Ministro Mikhail Mishustin proponendo di prendere in considerazione una tecnologia per migliorare l’efficienza delle decisioni di gestione dell’economia, sviluppata dalla “Scuola scientifica di pianificazione strategica di N. I. Veduta” (Nikolai Veduta era un economista cibernetico sovietico).

Si basa sulla funzione di un bilancio intersettoriale dispiegato (noto anche come metodo input-output). Il bilancio intersettoriale è uno strumento statistico fondamentale, che aggrega dove e come vengono utilizzati i beni e i servizi nell’economia. Era uno degli strumenti del Gosplan dell’URSS e veniva utilizzato come base per le previsioni e la pianificazione economica nazionale. Ora, utilizzando un moderno bilancio intersettoriale, è possibile ripensare l’esperienza del Gosplan nelle condizioni della digitalizzazione e portare la gestione economica a un nuovo livello, suggerisce la lettera.

Secondo Gennady Zyuganov, il gestore del sistema dovrebbe essere la “New Economic Cybernetics Systems and Technologies” (Новые экономические кибернетические системы и технологии), che si propone di creare appositamente per questo scopo. Dovrà fornire l’accesso ai dati primari sull’economia nazionale, compresi i dati personali (in particolare, i database del Servizio fiscale federale, del Rosstat, del Servizio doganale federale e altri). In questo modo si creerebbe “un unico database affidabile e aggiornato di informazioni economiche”, si legge nel documento.

Il PCFR ha chiesto più volte il ritorno al sistema di pianificazione statale. “Tutti i tentativi di andare avanti senza il Gosplan sono destinati a dolorosi fallimenti, cinici sprechi, inefficienza e inattività, mascherati da un inutile clamore”, ha dichiarato il partito nel luglio 2020.

Le autorità di Uzbekistan, Bielorussia e Kazakistan, così come le riviste statistiche straniere, hanno già espresso interesse per il sistema proposto, ha dichiarato Elena Veduta (figlia dell’economista sovietico Veduta). La risposta negativa delle autorità è che non sono interessate a creare catene produttive e logistiche in una situazione di crisi e a cambiare radicalmente gli approcci esistenti, che sono in gran parte finalizzati all’arricchimento personale dei funzionari.

Nel loro feedback, le autorità hanno presentato molti argomenti per spiegare perché non sostengono l’iniziativa del PCFR. Le principali sono le seguenti:

  1. Le previsioni automatiche basate su un bilancio intersettoriale non sono applicabili a un’economia di mercato e nemmeno nell’URSS sono state pienamente attuate.
  2. I funzionari sostengono che, sebbene il PCFR nelle sue proposte si appelli all’esperienza dell’URSS, l’automazione dei processi di previsione in termini di formazione di un equilibrio intersettoriale non è mai stata attuata, nemmeno nell’ambito dei progetti realizzati dal Comitato di Pianificazione Statale dell’URSS nel 1975-1985, date tutte le risorse materiali e umane disponibili all’epoca, ha dichiarato il Primo Vice Ministro dello Sviluppo Economico Ilya Torosov nella sua risposta all’iniziativa. Le iniziative erano state prese in considerazione, ma non effettivamente attuate.
  3. Inoltre, il modello in questione non consentiva lo sviluppo dell’iniziativa delle entità economiche e non era applicabile all’odierna economia di mercato, ha dichiarato Torosov.
  4. La sua opinione è sostenuta da Sergey Egorenko, vice capo del Rosstat, il quale sostiene che il modello di bilancio dinamico interindustriale sarebbe presentato dagli sviluppatori come uno strumento con informazioni costantemente aggiornate e accumulate, ma la pratica di lunga data del Rosstat di preparare tabelle input-output (la più recente è del 2019) suggerisce che i metodi di bilanciamento matematico creerebbero errori inaccettabili in senso economico. Ciò sarebbe dovuto all’imperfezione e all’eterogeneità delle informazioni in entrata.
  5. I funzionari affermano inoltre che dare alla “New Economic Cybernetics Systems and Technologies” l’accesso a dati statistici, dipartimentali e personali contraddice la legge russa.
  6. Molti dati sui contribuenti ricevuti dall’autorità fiscale sono un segreto fiscale, e alcuni dati sono già disponibili al pubblico, ha detto il vice capo del Servizio fiscale federale, Vitaly Kolesnikov, nella sua risposta. La contabilità principale delle entità commerciali è un segreto commerciale, ha dichiarato Egorenko.
  7. Le risorse informative delle autorità doganali sono formate sulla base dei documenti e delle informazioni presentate durante le operazioni doganali e hanno un accesso limitato, ha dichiarato il vice capo del Servizio federale delle dogane Vladimir Ivin. Dare alla “New Economic Cybernetics Systems and Technologies” i diritti di accesso a tutte le informazioni comporta il rischio di una loro distribuzione non autorizzata e di un loro utilizzo a fini di concorrenza sleale, oltre che di una possibile divulgazione di dati personali, ha dichiarato.
  8. Il modo proposto per la formazione della base informativa aumenterà l’onere per le imprese a tutti i livelli e per le agenzie governative, ha dichiarato il vice capo del Rosstat. Ad esempio, la contabilità (si propone anche di renderla parte del database), non contiene indicatori già pronti che possano essere utilizzati per costruire un bilancio intersettoriale (poiché le organizzazioni utilizzano software diversi per questo scopo, spesso incompatibili). Anche il formato per la rendicontazione del bilancio regionale non è unificato. La revisione richiederà notevoli risorse umane e finanziarie, ha dichiarato Egorenko.
  9. Inoltre, un certo numero di aziende e di imprenditori privati non tengono affatto registri contabili dettagliati perché ciò non è richiesto, ad esempio, dal sistema fiscale semplificato, ha dichiarato il Rosstat nel suo feedback.
  10. Allo stesso tempo, molte delle funzionalità proposte sono già state implementate nei sistemi informativi esistenti. Così, il GAS “Governance” contiene un sistema informativo federale di pianificazione strategica e un modulo di monitoraggio degli obiettivi di sviluppo nazionale e il portale “E-Budget” aggrega informazioni sui programmi governativi e sulle loro componenti strutturali, ha dichiarato il vice capo del Ministero dello Sviluppo Economico. Alcune delle funzioni proposte sono già svolte dal Sistema Informativo Statale dell’Industria (GISI), supervisionato dal Ministero dell’Industria e del Commercio, ha dichiarato il Vice Ministro dell’Industria e del Commercio Vasili Shpak. Ha inoltre ricordato che l’agenzia sta lavorando per modificare la procedura esistente per l’erogazione delle misure di sostegno statale attraverso il passaggio al modello digitale.

Ispirato all’articolo di Rline del 19 maggio 2022

Il comunista Danil Vershina è morto in battaglia

La sezione regionale di Pskov del Partito Comunista della Federazione Russa (KPRF) piange profondamente il giovane comunista, morto durante il servizio militare in Ucraina.

In un giorno di marzo del 2019, un giovane è entrato modestamente nel comitato cittadino di Velikoluksky del Partito Comunista della Federazione Russa e si è rivolto al primo segretario N.A. Chuvaylov:

— “Voglio entrare a far parte del Partito Comunista della Federazione Russa. Ora mi sto laureando alla Velikoluksky State Academy of Physical Culture and Sports. Mi chiamo Danil Sergeevich Vershina, originario della vicina regione di Tver.” Si è diplomato al liceo con il massimo dei voti.

– “Hai pensato bene alla tua scelta? Dopotutto, diventare comunista in questo momento significa assumersi enormi obblighi e rinunciare a molto. Rimandiamo questa conversazione e incontriamoci più in là.”

– “Bene. Ci vediamo!” E un sorriso luminoso illuminò il suo volto.

Due settimane dopo, si fermò di nuovo davanti a Chuvailov con i documenti del partito completati. E il 22 aprile, il compleanno di V.I. Lenin, presso il monumento al leader della rivoluzione proletaria, lo studente Danil Vershina è stato solennemente presentato con una tessera del partito. L’intera natura di Danil era la protesta contro il sistema esistente e allo stesso tempo il grande amore per la sua Patria. Ha studiato le opere di K. Marx, V.I. Lenin, la storia della Grande Rivoluzione Socialista d’Ottobre e della Grande Guerra Patriottica, ha cercato di contribuire allo sviluppo del suo paese natale, guidato dalle idee di V.I. Lenin.

– “Il giovane si è distinto per diligenza e determinazione, ha partecipato costantemente agli eventi del partito, ai subbotnik, alle manifestazioni. Comunicare con lui ha sempre lasciato sentimenti elevati,” – ha riferito un membro del Comitato cittadino di Pskov del Partito Comunista E.R. Saidov. – Dopo essersi diplomato al liceo, Danil ha legato la sua vita al servizio militare e si è arruolato nelle forze speciali aviotrasportate. Scelse la via più nobile della vita: servire il suo paese natale e lo percorse degnamente fino alla fine, adempiendo al dovere di difendere la Patria nella lotta contro il nazismo ucraino. Danil non si è nascosto dietro le spalle dei suoi compagni, è diventato un vero eroe e ha scritto il suo nome nella storia della Patria, lasciando un segno breve ma luminoso nei nostri cuori. Il 7 giugno avrebbe compiuto 24 anni.

Oleg Dementiev, corrispondente della “Pravda”. Velikie Luki, regione di Pskov.

Articolo tradotto da Gazeta Pravda

La crisi bielorussa attraverso la lente dell’Ucraina

Traduzione dell’articolo di Dmitriy Kovalevich del 27 agosto 2020

Manifestazioni in Bielorussia del 2020 e le manifestazioni in Ucraina nel 2014

Questa estate, la situazione in Bielorussia e le proteste che hanno travolto il paese, hanno dominato quasi completamente l’agenda dei mass media ucraini.

Il 9 agosto si sono tenute le elezioni presidenziali nella vicina Bielorussia. Secondo il CEC [Comitato Elettorale Centrale] bielorusso, sono state vinte dal presidente in carica Alexander Lukashenko, che governa il paese dal 1994. L’opposizione non ha riconosciuto i risultati delle elezioni, invitando i suoi sostenitori a protestare nelle strade, agendo secondo lo scenario delle “Rivoluzioni colorate”.

La violenza della polizia innesca la risposta

Durante le prime manifestazioni la polizia ha disperso i manifestanti facendo uso della violenza. Successivamente si sono innescate le proteste di diversi collettivi di lavoratori, poiché molti di essi, pur non partecipando alle proteste iniziali, sono stati attaccati erroneamente dalla polizia. È interessante notare che l’opposizione ha chiesto scioperi solo nelle imprese statali (la stragrande maggioranza in Bielorussia), senza mai invitare i lavoratori delle imprese private o straniere a scioperare.

Solo una settimana dopo le elezioni, sono stati organizzati cortei e manifestazioni altrettanto massicci, a sostegno del presidente in carica, nei quali ha avuto parte attiva anche il Partito Comunista di Bielorussia.

Confronto con Euromaidan 2014

In molti paragonano le proteste in Bielorussia con il colpo di stato ucraino del 2014, chiamato “Euromaidan”. Ci sono davvero molte caratteristiche comuni, ma ci sono anche differenze significative. Lukashenko ha perseguito una politica sociale abbastanza equilibrata. In Bielorussia, la maggior parte delle grandi imprese è stata nazionalizzata, sono di proprietà statale. Non ci sono oligarchi in Bielorussia e, di conseguenza, non ci sono grandi media di proprietà di oligarchi, come quelli che hanno innescato i manifestanti ucraini durante Euromaidan. Il tenore di vita e le garanzie sociali in Bielorussia sono molto più alti che in Ucraina e le tariffe per gas ed elettricità sono inferiori di circa il 50%. Anche i prezzi del cibo sono notevolmente inferiori.

Secondo recenti sondaggi, gli ucraini considerano Alexander Lukashenko il migliore tra i leader stranieri.[1] Per via questa fiducia Minsk è stata scelta come piattaforma per i negoziati per risolvere il conflitto nel Donbass.

L’impatto sull’Ucraina degli eventi in Bielorussia

Gli eventi in Bielorussia hanno diviso la società ucraina. I sostenitori di Euromaidan, i nazionalisti e gli attivisti delle ONG occidentali sostengono i manifestanti bielorussi. Pavel Klimkin, ex ministro degli Esteri ucraino, ha affermato che l’esito delle proteste in Bielorussia è una questione di sopravvivenza dell’Ucraina. Ha scritto: “Le elezioni in Bielorussia non saranno un punto di arrivo. Tutto il divertimento inizierà dopo. Dobbiamo lottare per una Bielorussia europea, non possiamo e non dobbiamo perdere questa battaglia, è una questione di sicurezza e di esistenza”.[2]

I nazionalisti ucraini e neonazisti si sono precipitati in Bielorussia per aiutare a realizzare una sorta di Euromaidan nel paese. Secondo il concetto promosso dall’estrema destra ucraina: Polonia, Ucraina, Lettonia, Lituania, Estonia e Bielorussia dovrebbero essere unite in una confederazione anti-russa, la quale dovrebbe diventare una sorta di fortezza della “razza bianca” che si opponga sia alla “Russia asiatica” sia all’Europa occidentale, “rovinata dagli immigrati”. I neonazisti ucraini del gruppo C-14 sostengono i manifestanti bielorussi con bandiere usate sia dalla moderna opposizione bielorussa che dai collaboratori nazisti durante la seconda guerra mondiale.[3]

“Stavano preparando questo casino contro di noi”

Un concetto simile viene promosso dai cosiddetti esperti del Consiglio Atlantico, citando solo la necessità di creare una zona cuscinetto tra Europa e Russia. Il reale obiettivo è, molto probabilmente, minare le relazioni commerciali tra Russia/Cina ed Europa occidentale.[4] Finora la Bielorussia è stata l’anello mancante di questa catena.

Il presidente Lukashenko afferma che l’opposizione è manovrata dalla Polonia e i paesi della UE si stanno accodando all’azione degli Stati Uniti:

“Stavano preparando questo casino contro di noi. E la Russia aveva paura di perderci. L’Occidente ha deciso di metterci in qualche modo, ovviamente – come vediamo ora – contro la Russia. Adesso vogliono creare questo corridoio del Baltico-Mar Nero, una sorta di zona cuscinetto: le tre repubbliche baltiche, noi e l’Ucraina. Siamo un anello di questa catena. Gli Stati Uniti stanno pianificando e dirigendo tutto questo, e i paesi della UE stanno al gioco. È stato ordinato – lo faranno. Un centro speciale è stato istituito vicino a Varsavia. Stiamo guardando, sappiamo cosa fa. Cominciano a brandire le armi. Sai, quando accadono cose inquietanti nelle vicinanze, quando i carri armati iniziano a muoversi e gli aerei volano nelle vicinanze, non è una coincidenza.”[5]

Anche in questo caso, allo stesso tempo, il presidente Zelensky e gli ufficiali ucraini non hanno fretta di schierarsi da una parte o dall’altra; sono pronti ad aspettare. E una delle ragioni di ciò è l’importanza della Bielorussia per l’economia dell’Ucraina e di tutta l’Europa orientale.

Il significato della “finestra bielorussa”

Dopo l’imposizione delle sanzioni contro la Federazione Russa, l’economia ucraina è diventata fortemente dipendente dalla “finestra bielorussa”, attraverso la quale le merci russe vengono fornite all’Ucraina e quelle ucraine alla Russia. Per anni la Bielorussia ha approfittato della rietichettatura delle merci come “prodotte in Bielorussia”. Il paese è diventato il principale fornitore di frutti di mare per tutti i paesi post-sovietici che non hanno coste. Fornisce due volte di più di frutta alla Russia di quanta ne sia in grado di produrre. È possibile acquistare prodotti russi in ogni supermercato ucraino; sono semplicemente contrassegnati come “prodotti in Bielorussia”.

Dopo la Russia, l’Ucraina è al secondo posto nell’elenco dei principali destinatari delle esportazioni bielorusse, per un totale di circa 4 miliardi di dollari. Nella lista dei principali importatori della Bielorussia, l’Ucraina è al quarto posto (un volume totale di 1,5 miliardi di dollari).

L’analista finanziario ucraino Vasyl Nevmerzhitskiy ritiene che, se verranno chiuse le frontiere da parte della Bielorussia (in caso di gravi problemi politici), ciò avrà un impatto negativo sul bilancio dell’Ucraina, poiché perderebbe una delle principali fonti di approvvigionamento:

“Se chiudono le frontiere in Bielorussia a causa di disordini pubblici allora il nostro fatturato commerciale diminuirà notevolmente. Dopotutto, attraverso questo vicino l’Ucraina acquista non solo beni bielorussi, ma anche russi. La fornitura di beni verrà immediatamente ridotta a due partner commerciali chiave. Questo colpirà il bilancio ucraino, poiché la riscossione del VAT [IVA] e dei dazi doganali, così come il nostro mercato valutario, diminuirà.”[6]

L’impatto sull’industria, il commercio e l’economia dell’Ucraina

Tuttavia, la pietra angolare delle relazioni economiche ucraino-bielorusse sono il petrolio ed i sottoprodotti petroliferi. Sebbene la Bielorussia non sia un paese produttore di petrolio, è la principale fonte di petrolio e gasolio per il mercato ucraino. Circa il 35% della benzina viene fornita all’Ucraina dalla Bielorussia e circa la stessa quantità dalla Federazione Russa tramite la Bielorussia. Il petrolio viene importato principalmente dalla raffineria di petrolio Mozyr in Bielorussia attraverso Korosten, nella regione di Zhytomyr in Ucraina. Come affermano gli analisti ucraini dal 2014, nessun carro armato ucraino si muoverebbe senza il petrolio fornito dalla Bielorussia.

Inoltre, poiché l’industria ucraina è in gran parte crollata, Kiev ora ripara i suoi veicoli militari e gli aerei anche in Bielorussia. Minsk è diventata un’intermediaria, lavora per contratti militari sia per la Russia che per l’Ucraina (spesso nelle stesse fabbriche). La Bielorussia fornisce veicoli militari e dispositivi ottici sia all’esercito russo che a quello ucraino.

Poiché l’Ucraina ha vietato i voli per la Russia, nonostante milioni di cittadini vi lavorassero, gli ucraini devono volare in Russia attraverso la Bielorussia. Allo stesso modo, i russi visitano i loro parenti in Ucraina facendo scalo in Bielorussia.

Pertanto, nel sostenere i manifestanti in Bielorussia, le autorità ucraine avrebbero agito contro i propri interessi economici. Tuttavia, sotto la pressione degli Stati Uniti, prima o poi dovranno decidere quale posizione adottare. I nazionalisti ucraini e gli attivisti delle ONG finanziate dall’Occidente hanno già deciso, ma le loro azioni a sostegno dell’opposizione bielorussa a Kiev non stanno radunando più di una dozzina di persone. Avendo già sperimentato due rivoluzioni colorate e un periodo di repressione statale, la sinistra ucraina chiede che l’attenzione si concentri sulle questioni economiche piuttosto che politiche durante la crisi bielorussa. È questa la domanda che l’opposizione bielorussa sta cercando di mettere a tacere, sostenendo che è necessario prima rovesciare Lukashenko, e poi – “vedremo”. Allo stesso tempo, il programma economico dell’opposizione, pubblicato a giugno sul sito zabelarus.com, suggerisce riforme neoliberiste e privatizzazioni di massa.[7]

Punto di vista alternativo sugli eventi

L’organizzazione marxista ucraina Borotba, bandita in Ucraina dopo la rivoluzione colorata del 2014, avverte che il programma economico dell’opposizione bielorussa è contro gli interessi dei lavoratori e sta cercando di manipolarli:

“La rappresentazione dello scontro tra il “popolo” e il “dittatore” imposto dai media imperialisti non dovrebbe mettere in ombra un’analisi politica e di classe. La solidarietà per le vittime della brutalità della polizia non significa sostenere la loro agenda politica.”

“La forza trainante nelle proteste contro il regime di Lukashenko è stata la classe media urbana, che è cresciuta e si è rafforzata durante gli anni di relativa prosperità economica. La classe media ha cominciato a considerare restrittiva la struttura del welfare state paternalistico, sposando la visione del “mercato libero” e della “libera impresa”. Non avendo esperienza delle riforme neoliberiste che hanno distrutto le economie di Ucraina e Russia, una parte significativa del popolo bielorusso vede il futuro del proprio paese nella “libertà” guidata dal mercato.”

“Tuttavia, è improbabile che un programma neoliberista di privatizzazione su larga scala, tagli alla salute e la libertà di licenziare piaccia alla maggior parte dei lavoratori. Questo è il motivo per cui il programma di “riforma”, inizialmente ampiamente pubblicizzato dalla candidata dell’opposizione Sviatlana Tsikhanouskaya e dai suoi sostenitori, è stato in seguito sostanzialmente nascosto. Ma era troppo tardi”[8]

Ciò che è ovvio per gli ucraini che seguono da vicino gli eventi nel paese vicino, indipendentemente dall’esito delle proteste, è che la Bielorussia non sarà la stessa di prima dell’agosto 2020. Se Lukashenko rimane al potere, la sua posizione sarà più debole e dovrà fare concessioni significative ai partner commerciali esteri. Qualsiasi cambiamento di potere in Bielorussia può comportare il rischio di un lungo periodo di instabilità, la chiusura di grandi imprese e conflitti civili, poiché l’opposizione liberale non può fare affidamento sul sostegno delle masse o dimostrare la sua legittimità.

Hanno ucciso “Volk”

Volk, combattente della DKO (Unità dei volontari comunisti)

di Alexander Ivanov

«Apprezzo molto la nostra amicizia, la nostra lotta e quanto sei forte nello spirito, non ti arrendi nonostante ciò che sta accadendo. È difficile e ti rispetto davvero per questo. E, soprattutto, credo in te, abbiamo da davanti a noi tante battaglie di classe.
Ma se cadi in battaglia: rispetto e memoria eterna. Il tuo coraggio e la tua testardaggine, la tua fiducia e dignità rimarranno per secoli. Il dolore in me sarà irreparabile.»

Dalla corrispondenza personale

Io e Anton Korovin ci siamo conosciuti ai tempi dell’università. Siamo entrati nel movimento comunista quasi nello stesso momento, siamo diventati marxisti insieme e per tutti questi anni siamo stati amici. E rimarremo amici, questo tipo di persone non muoiono – diventano eroi, stanno nei ranghi di coloro che hanno vissuto e combattuto per un mondo migliore e hanno raggiunto l’immortalità. Come può morire un amico e un compagno con il quale sei andato a scuola e hai autopubblicato il “Manifesto del Partito Comunista”? Alla dolorosa domanda “Chi te lo fa fare di rimanere nella guerra?”, Per molti anni ha sempre risposto con un sorriso: “Se non io, allora chi?”

Sognava di laurearsi per insegnare storia. Il suo sogno ha persino iniziato a diventare realtà quando è entrato all’università di Lugansk. Era molto preoccupato perché non riusciva a decidere l’argomento per la tesi di laurea. È stato sfortunato a causa di Minsk – il capitalismo ha infranto i suoi desideri e lo ha mandato a lavorare duramente per 12 ore in un magazzino. Non aveva più tempo…

Abbiamo sempre litigato molto. Sulla guerra, sulla pace, sulla vita, sul comunismo. Avremmo potuto discutere di qualsiasi argomento giorno o notte. Nel bel mezzo della notte, avremmo bevuto il caffè e fatto una passeggiata, solo per rimanere svegli. Ma non era solo un compagno forte nei dibattiti. Ha sostenuto la sua famiglia e ha lavorato duramente. Aiutava sempre gli altri e non poteva tollerare l’ingiustizia. Ci sono pochissime persone del genere.

Nel primo decennio di questo secolo abbiamo avuto un piccolo gruppo comunista. Abbiamo pubblicato testi, organizzato seminari e cercato sostenitori sui social network. Ma alla fine del 2014 tutto è diventato molto più serio, ed è andato a difendere la ribellione nel Donbass come parte dell’Unità dei volontari comunisti (DKO).

Vale la pena soffermarsi sul motivo per cui il comunista Anton si era unito alla Prizrak [la Brigata “Fantasma”]. La guerra civile in Ucraina era appena cominciata. Le manifestazioni di Euromaidan si erano trasformate in un golpe e in un massacro sanguinoso nel centro di Kiev. Il paese stava crollando e a maggio i nazisti avevano bruciato vivi i nostri compagni nella Casa dei sindacati di Odessa. Quel mondo già fragile si stava letteralmente sgretolando sotto i nostri occhi. In estate, i battaglioni punitivi ucraini e le forze armate ucraine avevano assediato e bombardato Lugansk e Donetsk, che non avevano accettato il colpo di stato fascista. Una vera guerriglia è scoppiata alla periferia delle regioni. Venne formata una milizia e i volontari iniziarono ad andare a Donbass in massa.

Le milizie crebbero rapidamente, ma erano tutte molto diverse fra loro. In estate si formò la Brigata Fantasma, che non combatteva per un potere astratto a Lugansk. I “Fantasmi” andarono a Lysychansk dove fecero le loro prime battaglie, respingendo l’avanzata dei nemici delle Repubbliche [popolari di Lugansk e Donetsk]. Il comandante era Alexej Mozgovoj. I comunisti prestarono immediatamente attenzione a lui e alla sua brigata. Alexej Borisovich si distinse radicalmente dalla folla. Le sue idee erano chiare:

Per prima cosa, organizzare un Consiglio dei comandanti era una necessità tattica. Era necessario il Consiglio dei comandanti: l’anarchia e la confusione sul fronte non potevano portare a nulla di buono, e l’esercito ucraino aveva già affrontato unità ribelli e aveva acquisito esperienza, si stava preparando per una nuova offensiva contro le repubbliche.

Secondo, una cosa vicina ai nostri cuori: la guerra contro la guerra. Il Donbass si era ribellato contro il colpo di stato a Kiev, ma invece dell’indipendenza aveva ottenuto delle granate. I capitalisti hanno scatenato la guerra per i propri interessi. I poveri non hanno bisogno di combattere l’un l’altro, ma rivolgono le loro baionette contro coloro che hanno scatenato il massacro.

Mozgovoj era sincero e si unirono consapevolmente alla sua brigata per combattere. Non per l’adrenalina, non per i trofei e non per sfuggire dai problemi o da una vita noiosa. Si unirono a lui per combattere contro la guerra, per la pace.

Quando Anton mi parlò dei suoi piani nell’autunno del 2014, non potevo credere che il mio compagno intelligente e responsabile, che già portava molto sulle sue spalle, sarebbe andato a combattere. È stata una decisione molto importante. Non ha mai gettato parole al vento, faceva sempre quello che diceva. L’unica cosa che non mi ha sorpreso è stata la sua scelta della Brigata “Fantasma”.

Poi c’è stata Kommisarovka, Debaltsevo. Kirovsk, posti di blocco e trincee infinite in prima linea. Passavano settimane senza ricevere suoi messaggi, e quindi leggere una risposta nel cuore della notte: “Come ti chiamano al fronte?” “Volk” [lupo], quello era il suo nome di battaglia. Odiava la guerra e cercava di parlarne il meno possibile. Potevamo discutere all’infinito degli ufficiali dell’esercito e di come l’accordo di Minsk-2 ha legato le loro mani e prolungato la guerra. Queste scelte politiche non fecero altro che schiacciare coloro che difendevano l’indipendenza del Donbass nella morsa dei litigi imperialisti.

La guerra non aveva cambiato molto Anton. Solo i suoi occhi tradivano la sua esperienza di combattente; questi risaltavano sul suo giovane viso. È sempre rimasto un comunista, fortemente interessato a ciò che stava accadendo nel nostro paese e nel mondo. Nelle sue rare e brevi visite a Mosca, ha cercato di partecipare il più possibile a tutti gli eventi e gli incontri. Ha partecipato alle manifestazioni e alle lezioni all’Università dei lavoratori. Durante la sua ultima visita a Mosca, ha partecipato con noi a un’azione contro il blocco di Cuba. Ha vissuto. Ha amato.


Anton è partito per il Donbass come volontario. Si è anche offerto per andare al fronte, faceva parte del gruppo degli specialisti sabotatori e ricognitori. Respingendo un attacco al villaggio di Berezovskoje, vicino alla città di Kirovsk, Anton è morto sotto il fuoco dell’artiglieria. È successo la mattina del 18 febbraio 2020. Non aveva paura della morte, ma voleva vivere. Senza paura – così lo definivano i suoi commilitoni.

Dormi bene, caro compagno. La lotta continua, la vittoria sarà nostra!

Tradotto da Red Star Over Donbass
Fonte originale Prometej

L’eroe sovietico Aleksej Botjan ci ha lasciati

Oggi, a 103 anni, ci ha lasciati Aleksej Botjan, agente del KGB e ricognitore sovietico divenuto famoso per le diverse imprese rischiose ed eroiche portate a termine durante la seconda guerra mondiale. Nel 1941 combatte in prima linea nella battaglia di Mosca, venne poi impiegato in pericolosissime azioni di guerriglia nelle retrovie del nemico, organizzando i combattenti antifascisti in diversi paesi occupati dalle truppe della Germania nazista. Nella sola Ucraina occidentale, nel 1943, fece saltare in aria 80 ufficiali nazisti piazzando una bomba dentro un edificio dell’amministrazione del Reich. Nel 1945 nella Polonia occupata riuscì ad organizzare diversi gruppi partigiani per coordinare delle operazioni contro gli invasori. Terminò la guerra in Cecoslovacchia, sempre operando nelle retrovie nemiche, e vi rimase negli anni successivi compiendo azioni di spionaggio celando la propria identità. Queste sono alcune delle informazioni che Aleksej ha potuto rivelare, tutto il suo lavoro nel dopoguerra rimane coperto da segreto militare. Una intera vita vissuta al servizio della patria dei lavoratori, per la speranza nella costruzione di una società più giusta. Onore a te Aleksej.

Aleksej Botjan, agente del KGB ed eroe sovietico

L’Unione Sovietica è la vera vincitrice della Seconda guerra mondiale

Il 6 giugno 1944 cominciava lo sbarco in Normandia principalmente da parte delle truppe di Stati Uniti, Regno Unito e Canada. Nell’immaginario collettivo questo evento segna il tracollo della Germania nazista.
Osservando questo grafico è possibile comprendere come la realtà fosse assai diversa, gran parte della macchina bellica nazista era già stata profondamente fiaccata negli anni precedenti dalla difesa eroica dei comunisti sul Fronte orientale. Come si può notare, infatti, la maggior parte dei soldati della Wehrmacht, a milioni, cadde sotto i colpi sovietici.

Numero dei morti militari durante la seconda guerra mondiale