Un nuovo video incastra Vitaly Markiv: I suoi commilitoni ubriachi si vantano di bombardare i civili

L’antenna TV nel video svela che questi sono i commilitoni di Vitaly Markiv, stazionati sul Karachun.

Un video rivela pesanti nuovi elementi contro il nazionalista Vitaly Markiv e i suoi commilitoni. Il nazionalista, nel processo che lo ha riguardato e che lo ha visto condannato a 24 anni in primo grado per concorso in omicidio del fotoreporter Andrea Rocchelli (assassinato sotto i bombardamenti delle forze ucraine) e poi assolto in secondo grado, ha sempre dichiarato che le truppe ucraine arroccate sulla collina Karachun non attaccavano mai i civili e che mai attaccavano per primi, sostenendo che da “regole d’ingaggio” potevano solamente rispondere al fuoco dei ribelli. Markiv e i suoi commilitoni non sono famosi per la loro sincerità e questo video ne è la conferma, in quanto contraddice le loro dichiarazioni.

È il 2015, alcuni miliziani della Repubblica Popolare di Donetsk recuperano un video, girato un anno prima, dai dispositivi trovati sul corpo di un soldato ucraino. Il video fece all’epoca molto clamore, nei cinque minuti di ripresa di un momento di riposo delle truppe ucraine, i soldati ubriachi confessano diversi crimini di guerra tra brindisi e risate: “Bombardiamo qualche negozio!” e ancora “Bombardiamo senza coordinate!”, “Slovjansk era una bella città, peccato che sarà rasa al suolo”. Le riprese sono fatte con un cellulare da una posizione intorno alla città di Slavjansk, che nel 2014 è sotto il controllo dei ribelli e non è stata ancora sfollata. I civili sostenevano ampiamente i ribelli, le truppe ucraine infatti temevano che qualsiasi persona fosse un separatista, come dichiarerà lo stesso Markiv, e venivano quindi attaccati dalle truppe filo-governative.

Il nuovo elemento che aggrava la posizione del nazionalista e dei suoi commilitoni è che i soldati che si lasciano andare alle confessioni nel video sono proprio stanziati nella base di Vitaly Markiv. Infatti c’è un dettaglio nel video che è sfuggito ai più: i soldati, come lo stesso Markiv, difendono proprio quella torre televisiva che era situata sul Karachun, la torre che i ribelli volevano colpire per ammutolire la propaganda filo-governativa che veniva diffusa per tutta la regione.

Nel frattempo però il nostro “eroe dell’Ucraina”, a seguito dell’assoluzione in secondo grado nel processo, sembra essere scappato in patria, difeso dal ministro degli interni di estrema destra Arsen Avakov. In attesa del verdetto della cassazione e in vista dei nuovi elementi contro i soldati filo-governativi non è da escludere che il nostro “eroe” non faccia più rientro in Italia, per la gioia di tutti quei personaggi e quelle organizzazioni politiche italiane che si sono spesi per la sua liberazione.

Nazionalisti ucraini al congresso dei Radicali Italiani (1-3 novembre 2019)